IL CIRROSO
(The Cyrouse)
Il nostro lettore medio è analfabeta
Periodico aperiodico di informazione etilica, direttore, caporedattore, inviato speciale, reporter, fotografo, tipografo, editore, dattilografo, bidello e lavacessi: MAD. I nomi degli altri giornalisti leggeteli in fondo agli articoli. Pensato e stampato in località segretissima ingurgitando fiumi e fiumi di birre medie. Adesso basta, leggete il sito, beoni!!!!!!
La pupa e il Cirroso
images/categorie/bacco.gif

Questa volta il nostro freelance Hic Nick è stato incaricato di portare a termine una missione davvero difficile. Talmente difficile che nemmeno noi abbiamo ben capito che missione fosse.
Comunque sia, questo è il risultato!

Le prime luci dell'alba lasciavano linee infuocate all'orizzonte mentre le gomme della mia Lanos 1.4 Cupè serie limitata GPL spolveravo silenziose l'asfalto Novarese. La mia mente era ancora proiettata all'attimo in cui il mio corpo era rimasto avvinghiato tra la tinta di colore lievemente fucsia e la castana semifrancese (cazzo com'era tutto più facile quando nei film c'erano solo donne bionde o more…). Le gomme sfrigolavano e dalla radio scassata usciva Frank che mi diceva:
"…Egli ha avuto da bambino
Al Capone per padrino
e sua madre lo allattava a whisky e gin.
Viva il dritto di Chicago, Sugar Bing,
che sparando la pistola fa lo Swing…."
Ritornavo dritto da una missione speciale sulla grappa insieme ai tre boss della banda de "il cirroso" e vi assicuro che dopo essermi strusciato su due bambole "dritto" non è un eufemismo. Ora ero solo. Nella notte e viaggiavo verso l'alba… E porca troia non era la Parietti! Pensai: "Un giorno o l'altro devo fare qualcosa contro questa nebbia". Odiavo la nebbia. Era vapore d'acq*a condensato: la odiavo. Feci far due giri ai miei tergicristalli spruzzando un paio di schizzi sul parabrezza. Ero usuale caricare la lavavetri con la vodka, ma questa volta il vetro non veniva pulito. Mi guardai tra le gambe: avevo schizzato troppo! L'orizzonte sfilava, i paesaggi cambiavano, le ore passavano… ma non davano precedenza. Finalmente giunsi alla villa. Posteggiai lontano per non destare sospetto e mi avvicinai gatton gattoni, miao, ad una delle finestre ancora illuminate. Dentro, strani figuri bruttissimi si sollazzavano piacevolmente con ragazze mezze nude che si fingevano stupide (più del solito intendo!). Entrai di botto e rimbrottai Sam dicendo "Ma testa, cosa siete venuti qui a fare? La missione non dovevo compierla io?" Ma non era lui! Era uno di loro: un secchione. Mi guardò sfoderando tutto il suo QI ed in quel mentre le pupe mi zomparono addosso ed io capii perché i secchioni avevano un Q.I. così alto: io le "signorine" le dovevo pagare.
Si scatenò un fuggi fuggi piglia piglia. Che errore creder che i Cirrosi m'avessero anticipato; che pecca confonder un capo con uno di questi che facevano gli scemi; che umiliazione per lui che era uno scemo vero. Recitai una messa intiera tra me e me saltando il testo ma bevendo 25 volte dal calice. Mi sentii subito meglio. Intanto la fobia collettiva nella villa si stava placando. Gli abitanti si stavano pian piano mettendo a letto. Era il mio momento. Avevo deciso di attendere la prima "pupa" che si sarebbe alzata per sorprenderla e… ed intervistarla, sempre che lei non mi concedesse i miei famosi "5 secondi di gloria" (si chiamano così perché fu solo lei che la diede). Nell'attesa mi sistemai placido dietro al bancone del bar iniziando a svuotare ogni recipiente di vetro ivi contenuto. Bevvi alquanto, sin che una luce si accese ed una figura sinuosa apparve sotto l'arco vittoriano. La sua ombra lunga ed affusolata si proiettava sul parquet in mogano. Senza ne due ne tre (ma nemmeno 4-5-6-…), mi parai di fronte a lei che, nel vedermi, non mostrò alcuna emozione. Ho ancora ben chiaro il ricordo nitido delle nostre sagome avvinghiate. Poi, sentendo dei peli in bocca sputai… cazzo, CCB mi aveva davvero seguito sin qui: Lo mandai a cagare mentre insieme ci posizionammo nuovamente a compiere opera di svuotamento del bar. Verso le 4 di mattina del giorno dopo l'alba le cui "prime luci lasciavano linee infuocate all'orizzonte" il CCB ronfava placido con una bolla di moccio che andava via via gonfiandosi e sgonfiandosi. Mi scossi poca polvere dal gessato e mi voltai vedendo finalmente l'ombra di una sagoma femminile proiettarsi sotto l'arco… bla bla bla… Come prima non dissi nulla e la baciai. Non sentii i peli in bocca e fui contento che nessun altro cirroso e soprattutto Rottame m'avesse seguito. Solo per un istante temetti che fosse il Ceci. Senza dire nulla ci mettemmo a fare l'amore. Venni sempre molto velocemente, ma venni una, nessuna, centomila volte, alla faccia di Pirandello. Poi m'accasciai su di lei ed insieme sprofondammo in un sonno pesante, granitico, mentre i miei pensieri volavano al servizio fantastico che avrei scritto per la redazione. All'alba CCB rinvenne. Svegliandomi spostò la copia della "Venere di Milo" sotto di me dicendo "Nick sei il solito coglione, è già la seconda volta che ti fai una statua "

Condividi su Facebook

Il voto!

Cosa pensano i nostri utenti di questo articolo.

Giudizio: 3 (1 voti)

Re: La pupa e il Cirroso
Scritto da Anonimo Beone il 26 Dicembre 2012, 16:39

Ciao Patrick in effetti il tiloto non rispecchia pienamente il contenuto del testo, per come possiamo intenderlo a primo impatto e potrei dirti facilmente che e8 stato fatto a posta, sai meglio di me che il tiloto conta : ) Ma in realte0 non e8 cosec in realte0 ho inteso come fregature non solo quelle cose che ti possono capitare in ostello causa dimenticanza o poca attenzione del personale, ma tutte quelle piccole cose che puoi ricordarti solo tu e che una volta arrivato in ostello ti fanno capire di non essere rimasto fregato .Magari c'e8 chi non e8 mai stato in un ostello e non sa che lec non trovere0 asciugamani ne saponette nel bagno, che spesso i bagni sono in comune e le camere non hanno dei portaoggetti personali. Quindi la fregatura in questo caso e8 intesa come dimenticanze personale che con un po' di attenzione non rendono il soggiorno un disastro.Grazie comunque del tuo commento ; )


Aggiungi commento

Oggetto:

Messaggio:


Altri articoli
Altre categorie
Il Giornale

Il Cirroso numero 16 del 9 Dicembre 2010 è uscito.

Puoi scaricarlo qui.
Lo Speciale

Il Cirroso - Speciale Speciale crisi del settimo anno! del 14 Dicembre 2011 è uscito.

Puoi scaricarlo qui.

Mancano
8 7 8 0
mezze all'uscita del prossimo numero.

Il Sondaggio

Quali tra i 5 sensi è per te più importante?

Il tatto, per palpare i culi delle cameriere del pub
L'udito, perchè il giorno dopo qualcuno dovrà pur raccontarmi cosa ho fatto la sera prima
La vista, perchè quando bevo mi vengono i superpoteri: vedo triplo!
Il gusto, perchè una volta invece del frizzantino hanno tentato di incularmi dandomi dello champagne
L'olfatto, perchè grazie a lui posso tenermi a distanza dal MAD

Condividi su Facebook
Utenti registrati = 393.
Utenti connessi: non registrati 1
   registrati 0
Il Cirroso è stato visitato
9 2 9 7 1 7
volte dal 7 dicembre 2004.
+ + -