IL CIRROSO
(The Cyrouse)
Il periodico con più controindicazioni ed effetti collaterali del mondo
Periodico aperiodico di informazione etilica, direttore, caporedattore, inviato speciale, reporter, fotografo, tipografo, editore, dattilografo, bidello e lavacessi: MAD. I nomi degli altri giornalisti leggeteli in fondo agli articoli. Pensato e stampato in località segretissima ingurgitando fiumi e fiumi di birre medie. Adesso basta, leggete il sito, beoni!!!!!!
IL CIRROSO ALL'OKTOBERFEST!!!!
images/categorie/bacco.gif

Il Cirroso non poteva certo mancare a quest'appuntamento. I nostri inviati Jaeger e CampariColBianco ci narrano con passione la loro esperienza etilica in terra di Germania.

Quando pensi alla birra, a tanta birra, la fantasia e il fegato corrono subito a Monaco di Baviera e si dissetano tra gli stand dell’Oktoberfest. Il Cirroso non poteva mancare e il buon MAD ha deciso di spedire i suoi due migliori reporter: lo Jaeger e il CampariColBianco (applauso grazie!).
Il MAD ci ha anche messo a disposizione (a nostre spese!) la Cirrosomobile: una mozzarellosa Kangoohooo bianca, che per tre giorni ci ha fatto da mezzo di trasporto, da ristorante, da alcova, da coffee shop e da cesso! Un camper, evidentemente, sarebbe stato uno spreco. (Visto che vi siete trovati bene l’anno prossimo vi mando su in sidecar. N.d.MAD).
Una volante della polizia ci ha accolto a Monaco facendoci fare la prova del palloncino!!! Inutile dire che il palloncino non ha retto alla nostra alitosi e, esplodendo, ha rivelato con una sorta di telepatia le nostre intenzioni ai simpatici poliziotti naz… tedeschi. Infatti, senza proferire domanda ci hanno indicato un parcheggio dove poter bivaccare indisturbati per il week end. Incuneato il fido mezzo tra due alberi ci lanciamo subito verso i mezzi pubblici che ci porteranno nel cuore della festa, d'altronde siamo qui per lavorare! L’impresa sarebbe stata disperata, se una figa teutonica non avesse visto le nostre beote facce da italiani spalmate sulla cartina della metropolitana e, in un italiano che dopo due birre noi già invidiamo, non ci avesse condotto fino a destinazione.
Arrivati al santuario del tazzatore la prima impressione è stata quella di… SETE! Però pensare di bere è molto più semplice che bere l’ultimo venerdì dell’Oktoberfest! E’ tradizione che si venga serviti solo se si è seduti ad un tavolo. Credeteci non è stato per nulla facile trovare due posti liberi… Ma d'altronde noi siamo i migliori. (Ma bbaffangulo.... N.d.Sam). Poggiate le chiappe sarebbe stato più facile tagliare la barba a Bin Laden piuttosto che farci alzare da quelle fottute panche. Mastro Paulaner lenisce finalmente le nostre fatiche e placa l’arsura delle nostre gole con litri e litri di biondo nettare (si capirà che erano birrazze?).
Ci svegliamo la mattina successiva nel cassone grondante umidità della Kangoo e quando guardiamo fuori ci accorgiamo di essere circondati da almeno un centinaio di camper e una Golf con cinque italiani che dormono. C’è anche chi sta peggio di noi, ma non ditelo al MAD! (Tanto sidecar ho detto e sidecar sarà!!! N.d.MAD). E’ un nuovo giorno: una brioche, una banana, un sigaro, due scuregge e siamo già pronti a tornare sul posto di lavoro! Non c’è niente di più bello che farsi succhiare l’ucc… (??? Ehm, voi due eravate soli e indisturbati nell’angusto cassone della famosa Kangoo bianca, nevvero? N.d.Sam). Ehm, dicevamo che non c’è niente di più bello che iniziare la giornata con un fragrante litro di birra, soprattutto se servito da una notevole topolona bionda alta un metro e ottanta e con due bocce da bowling al posto delle tette (dove sono i buchi!!?? Vabbè ci metto tutte le mani… N.d.Jaeger). Noi birra e mezzo metro di salsiccia, voi the e biscotti… E’ il duro lavoro del reporter!
A pranzo decidiamo di trascinarci in centro per portare a termine la parte culturale del viaggio, quella solitamente più pallosa, ma non a Monaco! Dopo aver fatto a testa di ferro con un mojito ci rechiamo nel luogo che conserva la più antica tradizione della città: la birreria della Hofbrau: tutti i veri tedeschi almeno una volta nella vita si devono ammazzare lì. Tavolate chilometriche, ettolitri di birra, quintali di porco e brindisi a nastro. Il luogo della fratellanza alcoolica per antonomasia: tutti amici, tutti felici, tutti naturalmente sbranati.
Torniamo alla sagra del litro e il sabato sera è un delirio condito da pioggia e ricordi recuperabili solo grazie alla macchina fotografica. L’unico ricordo che ci portiamo nel cuore è Pilone (chi non ha visto Porky’s?) che ci avvicina e con ghigno complice estrae l’arnese ed orina in mezzo allo stand Spatenbrau usandoci come scudi umani.
La domenica ci svegliamo presto, convinti di voler concludere il nostro duro lavoro al meglio. Partiamo dall’Olimpiastadion con la Cangura e ci gettiamo tra le braccia del Bacco tedesco (Bakken? N.d.CCB). Dalle 9 alla 15 tazz… degustiamo senza sosta e con un’innegabile amore per il nostro lavoro. Facciamo almeno sessanta brindisi e anche i muscoli delle nostre braccia iniziano a risentire dello sforzo. Ma, vacqua boia, è proprio arrivata l’ora di partire.
Viaggiare arricchisce, abbiamo imparato tante cose: il litro è meglio della mezza, la birra tedesca non fa ruttare, si può ingrassare di quattro chili in tre giorni (soprattutto se non hai un cesso dove evacuare) e che il nostro è un lavoro duro ma qualcuno deve pur farlo! E che non vi venga in mente che ci siamo divertiti!
Ah! La birra era buona.

Condividi su Facebook

Il voto!

Cosa pensano i nostri utenti di questo articolo.

Giudizio: 3 (1 voti)

-1'
Scritto da Anonimo Beone il 11 Novembre 2015, 8:59

1


re il cirroso all
Scritto da Anonimo Beone il 11 Novembre 2015, 8:59

1


re il cirroso all
Scritto da Anonimo Beone il 11 Novembre 2015, 8:59

1


re il cirroso all
Scritto da Anonimo Beone il 11 Novembre 2015, 8:59

1


Aggiungi commento

Oggetto:

Messaggio:


Altri articoli
Altre categorie
Il Giornale

Il Cirroso numero 16 del 9 Dicembre 2010 è uscito.

Puoi scaricarlo qui.
Lo Speciale

Il Cirroso - Speciale Speciale crisi del settimo anno! del 14 Dicembre 2011 è uscito.

Puoi scaricarlo qui.

Mancano
3 2 1 6
mezze all'uscita del prossimo numero.

Il Sondaggio

Quali tra i 5 sensi è per te più importante?

Il tatto, per palpare i culi delle cameriere del pub
L'udito, perchè il giorno dopo qualcuno dovrà pur raccontarmi cosa ho fatto la sera prima
La vista, perchè quando bevo mi vengono i superpoteri: vedo triplo!
Il gusto, perchè una volta invece del frizzantino hanno tentato di incularmi dandomi dello champagne
L'olfatto, perchè grazie a lui posso tenermi a distanza dal MAD

Condividi su Facebook
Utenti registrati = 393.
Utenti connessi: non registrati 1
   registrati 0
Il Cirroso è stato visitato
9 2 9 6 9 4
volte dal 7 dicembre 2004.
+ + -